2021

Pasqua in Sicilia

Immerso nella profondità della Santa Pasqua, vivrai una sensazione unica delle celebrazioni eucaristiche siciliane

"Archi di pane" a San Biagio Platani.

EASTER SA BIAGIO PLATANI
arches of san biagio platani
ARCH SAN BIAGIO PLATANI

La festività pasquale dei cosiddetti "Archi di pane" è il risultato di una spettacolare e suggestiva competizione artigianale, unica in Sicilia. Per circa 4 settimane, antecedenti alla Pasqua, le confraternite dei "Madunnara" (devoti alla Madonna) e dei "Signurara" (devote a Gesù), sono impegnate nella costruzione di imponenti composizioni di canne e ferule; questi fungono da quadri per magnifiche decorazioni artistiche di agrumi, alloro e soprattutto pane, nelle forme e dimensioni più diverse. Le grandiose costruzioni artistiche, di archi, cupole e campanili, sono poi disposte lunga la via principale della cittadina, il "Corso Umberto I: lo straordinario raffinamento delle decorazioni, combinato con l'illuminazione serale, trasformano San Biagio Platani,  un sontuoso e accogliente salotto all'aperto. Il giorno principale dell'evento si svolge la domenica di Pasqua, quando il Cristo e la Madonna si incontrano davanti alla Chiesa Madre.

La processione dei "Misteri" di Trapani.

trapani_processione_misteri (3).jpg
trapani_processione_misteri (2).jpg
trapani_processione_misteri (1).jpg

La Processione dei "Misteri" di Trapani è una sfilata della Passione con 20 carri allegorici in legno, tele e sculture di colla che rappresentano le singole scene degli eventi della Passione. Questa gioca un ruolo fondamentale durante la Settimana Santa a Trapani. I "Misteri" sono tra le più antiche evenienze religiose, ancora eseguite, in Europa. Questa festa viene celebrata ogni Venerdì Santo, dal primo evento del 1612, con una durata di almeno 16 ore consecutive, a volte oltre 24 ore,  ed è considerata una tra le feste religiose più caratteristiche di tutta Sicilia e in Italia.

Il " Ballo dei diavoli " di Prizzi.

ballo_diavoli_prizzi_1.jpg
PasquaPrizzi_ballo_diavoli.jpg
ballo_diavoli_prizzi.jpg

Nei rituali che hanno origini distintamente medievali, un gruppo di attori folcloristici, della piccola cittadina di Prizzi in provincia di Palermo,  si travestono da creature dall'aspetto demoniaco e ballano per le strade, indossando costumi e maschere bizzarre, e fanno ciò che è noto come la  "Danza dei diavoli ".

Una varietà di rievocazioni della Passione si svolgono durante la settimana santa, culminando nell'acquisizione della città, la  domenica di Pasqua da parte di questi diavoli, che cercano di impedire l'incontro delle effigi di Gesù e Maria. Sono accompagnati da una terza figura che recita l'incarnazione della Morte. Questa rappresentazione teatrale, termina la notte del Lunedì dell'Angelo con la sconfitta delle figure malvagie per mano dei cavalieri angelici.

THE BUCOLIC SICILY

Giovedì Santo a Marsala. La "Via Crucis".

pasqua marsala 2.jpg
pasqua marsala.jpg
pasqua_marsala.jpg

Momento significativo tra i riti della Settimana Santa in provincia di Trapani è la Via Crucis del giovedì con personaggi viventi che sfilano per le strade principali della città di Marsala, interpretando i ruoli con grande coinvolgimento emotivo. Suggestive sono le "cadute" di Cristo con la croce, che si ripetono più volte lungo il cammino. Una rappresentazione commovente della Crocifissione si svolge la sera dello stesso giorno. Molto popolare è la processione del venerdì con la statua della Madonna Addolorata che segue il Cristo morto.

La Settimana Santa ad Enna.

processione pasqua enna2.jpg
processione pasqua enna.jpg
pasqua_enna 1_edited.jpg

La Settimana Santa di Enna è una degli eventi  più spettacolari e piene di pathos al mondo. Il Venerdì Santo la città è coinvolta con 2.500 confratelli che sfilano, insieme all'amministrazione comunale e al clero. Nelle 16 chiese, sede delle confraternite, vengono preparati gli oggetti che verranno portati in processione. La Settimana Santa è ricca di storia e simboli legati alle usanze che sono state tramandate per secoli, già dal periodo della dominazione spagnola. Tra i simboli c'è la visiera dei confratelli che oggi è stata vietata per legge, diversamente dal passato che era consentita. La banda musicale accompagna le processioni con note tristi, scritte da locali compositori di Enna.

Pietraperzia, " Lu Signuri di li fasci ".

u signuri di li fasci 2.jpg
u signuri di li fasci 1.jpg
u signuri di li fasci 3.jpg

L'anima di "lu Signuri di li fasci" è costituita da una trave di legno di cipresso, che termina nella realizzazione una croce. Il raggio è alto 8,50 metri con tutta la "vara". La bara viene portata fuori dalla chiesa del Carmine durante il tramonto e lasciata in posizione orizzontale nel piazzale antistante alla chiesa stessa. Qui una struttura metallica circolare viene fissata sulla parte superiore della trave. Poco dopo i fedeli si avvicinano alla croce e iniziano ad annodare una serie di strisce di tela di lino bianco lunghe circa 32 metri e larghe circa 40 centimetri. Per legare la bara i fedeli devono presentare ai confratelli un biglietto d'ingresso che serve a registrare il numero delle fasce. La funzione delle fasce sarà quella di consentire ai fedeli di mantenere  l'equilibrio sul palo di legno lungo il percorso processionale. Nel frattempo, all'interno della chiesa del Carmine, ha luogo un altro atto tradizionale la cui origine è sconosciuta: un membro della confraternita per tutto il pomeriggio è impegnato a stendere, sul corpo del Crocifisso, dei nastri rossi, denominati "misurati" (piccole misure) che , dopo essere benedetti, viene legato dai fedeli all'avambraccio o alla caviglia. Poco prima dell'inizio della processione, è posto in cima alla croce, un antico e miracoloso Crocifisso. Spostando il passaggio sincronico del Crocifisso da una mano all'altra ("a ppassamànu") dei confratelli disposti a catena all'interno della chiesa del Carmine, nel pomeriggio si cambia luogo al Crocifisso per la tradizionale benedizione del "li measèddi". All'esterno dell'entrata della Chiesa  la croce è già pronta per essere innalzata.

San Fratello, la festa degli ebrei.

san fratello paasqua 2.jpg
san fratello pasqua 1.jpg
san fratello pasqua 3.jpg

A San Fratello, in provincia di Messina, mercoledì, giovedì e venerdì santo in un mix tra sacro e profano si svolge la festa ebraica. L'origine di questa tradizione risale al Medioevo e contiene in perfetta simbiosi fede e folklore. Iniziò nel 1276 con la "Confraternita dei flagellanti", oggi chiamati "ebrei". I loro abiti policromi sono vari e bizzarri, così come singolari sono i loro comportamenti e le loro azioni sfrenate. Il costume è composto da una giacca e pantaloni rossi, ornati sui lati con strisce di stoffa di diverso colore. La testa è completamente coperta da un cappuccio, anch'esso rosso, e dalla maschera pende una grande lingua di pelle lucida che, insieme a una grande bocca e due lunghissime sopracciglia, danno alla maschera un'aria grottesca e mostruosa. Ai piedi gli ebrei indossano scarpe di cuoio ruvido o "scarpe di pelliccia" e nelle loro mani tengono mazzi di catene e trombe a maglie larghe. Durante la festa,  per due giorni San Fratello è in preda alla mera euforia: gli ebrei, correndo, attraversando strade, arrampicandosi sui muri, camminando in pericoloso equilibrio sui bordi di case e balconi, saltando, suonando, fuggono e scompaiono, creando un vero pandemonio.

I riti pasquali a Piana degli Albanesi.

easter piana degli albanesi.jpg
easter in piana degli albanesi.jpg
pasqua_piana degli albanesi 2_edited.jpg

I riti pasquali a Piana degli Albanesi sono molto suggestivi. Chiaro è il forte legame con l'antica appartenenza alla tradizione etnica albanese, perpetuata anche nella vita di tutti i giorni, nei rituali religiosi e nella lingua. Qui, da oltre 500 anni le caratteristiche etniche, linguistiche, culturali e religiose dell'origine sono state gelosamente conservate. Gli abitanti di Piana degli Albanesi, grazie alla loro tenacia e alle loro istituzioni culturali e religiose, nel corso dei secoli, hanno mantenuto la loro identità e le loro radici culturali come costumi, tradizioni, caratteristici costumi da donna riccamente ricamati, la lingua albanese e il rito bizantino. Il giorno più importante di Piana degli Albanesi è sicuramente la Pasqua.

La processione dei " misteri " di Erice.

pasqua_erice 1.jpg
easter erice 2.jpg
easter erice.jpg

L'antica tradizione della Processione dei Misteri di Erice, che ha origini medievali, ogni anno viene riproposta ai cittadini e ai visitatori che si riuniscono per l'occasione numerosi sulla vetta della città. La celebrazione del Venerdì Santo a Erice è un evento in cui la fede e la tradizione si condensano per dare origine alla celebrazione di uno dei riti cristiani più significativi. I quattro gruppi settecenteschi, di grande valore artistico in legno, tela e cartapesta, raffiguranti momenti della Via Crucis (Gesù nel giardino, Gesù alla colonna, Gesù incoronato di spine, Gesù con la croce verso il Calvario) precedono la vara con il Crocifisso,, l'urna con il Cristo morto e Maria SS. Addolorata. Tutti vengono portati sulle spalle dei vari devoti lungo le strade di Erice in una processione che alterna momenti di preghiera a cortei funebri, creando interruttori di profonda spiritualità e grande emozione. La processione inizia dalla Chiesa di San Giuliano nel primo pomeriggio del Venerdì Santo, e dopo aver camminato per tutta la città, torna a tarda notte alla luce suggestiva di centinaia di torce. Due ali di folla custodisce tutta l'ombra delle antiche navate ed i preziosi gruppi sacri.

Pasqua a Caltagirone. " A Giunta ".

pasqua_caltagirone 1_edited.jpg
easter caltagirone 2.jpg

Di antica tradizione è "'A Giunta", dominato da una gigantesca figura di San Pietro che raggiunge Piazza Municipio dall'omonima Chiesa, per andare a incontrare Gesù Risorto e annunciarlo a sua madre Maria. Da questo incontro la denominazione 'a Giunta. La domenica di Pasqua a Caltagirone è una festa grande e popolare che si svolge all'aperto, attraverso le strade della città. Consiste in due momenti "a Giunta (l'incontro) e" a Spartenza (separazione), durante i quali si incontrano e si separano i tre simulacri di San Pietro, il Cristo risorto e la Madonna. Migliaia di cittadini e turisti partecipano da ogni angolo della piazza, ma soprattutto la Scala Santa Maria del Monte gremita da un folto pubblico dove tutti cercano un posto per ammirare l'evento. 'A Giunta, sicuramente il momento più significativo e spettacolare della festa, è il risultato di un percorso preciso: San Pietro, dopo aver lasciato l'omonima chiesa, dopo un breve tratto di strada, incontra Cristo risorto con immensa gioia ; entrambi, salendo per la Via Infermeria e attraversando Piazza Umberto, si dirigono verso Piazza Municipio - il vero teatro dell'incontro - per dare il felice annuncio alla Madonna.

Scicli. Festa dell'Uomo Vivente, "U Gioia"

easter scicli u gioia.jpg
pasqua_scicli 2.jpg
pasqua_scicli 1.jpg

U Gioia, la festa di Pasqua a Scicli è una delle più belle celebrazioni pasquali in Sicilia. Alla fine della Settimana Santa, le atmosfere tristi vengono spazzate via dall'atmosfera festosa che risveglia gli spiriti degli sciclitani e trascina tutti in una vigorosa processione che avvolge uomini e cose in una nuvola di suoni e colori. È la festa della gioia o dell'Uomu Vivu.
La statua di Cristo Risorto, che i devoti portano in processione è chiamata l'Uomu Vivu (Uomo Vivo) o 'u Gioia, il nome ben descrive il sentimento che anima gli abitanti e l'atmosfera della festa. La magia della Pasqua a Scicli ha incantato molti: pittori, fotografi, giornalisti e musicisti. Tra gli artisti più noti che hanno vissuto la festa c'è Vinicio Capossela, il cantautore ha registrato la canzone Uomo vivo (Inno alla gioia) ispirata a questa festa alla quale ha partecipato alla prima persona cantando in piazza.

Pasqua a Modica. La Madonna " Vasa Vasa "

easter modica 2.jpg
pasqua_modica 1.jpg
easter modica 3.jpg

La domenica di Pasqua si celebra la festa della Madonna " Vasa Vasa " ( colei che bacia ), appuntamento imperdibile per i Modicani e per i numerosi visitatori che invadono il centro di Modica ogni anno. Il corso principale riesce a malapena a contenere la folla di fedeli che si riuniscono dalla parte iniziale del corso alla chiesa di Santa Maria di Betlemme per assistere al tradizionale "bacio del sud" tra la Madonna e il Cristo Risorto. Prima di questo momento, la Madonna e Cristo si cercano l'un l'altro lungo il viale: i due simulacri sono portati sulle spalle dei fedeli.

Pasqua a Sinagra. Gara di San Leone.

sinagra 3.jpg
sinagra 2.jpg
pasqua_sinagra.jpg

"'A Cursa' i Santu Liu": Per centinaia di anni la "Corsa" ha caratterizzato la domenica di Pasqua a Sinagra, in provincia di Messina. La domenica di Pasqua è la sera in cui la statua del Santo viene portata in processione dalla chiesa campestre (Chiesa di San Leone) al centro città con la caratteristica traversata del centro che porta la statua del santo sulla spalla e corre. Grandi e piccini, tutti in fila, per portare sulle spalle la statua del Patrono della città, San Leone. Un evento molto suggestivo che si ripete ogni anno e registra a Sinagra la presenza di migliaia di persone, oltre ai residenti, che con grande entusiasmo onorano San Leone che ha preferito Sinagra al ruolo di Vescovo di Catania. La festa continua il lunedì di Pasqua, con la processione del Santo per le vie del paese, con un grande afflusso di fedeli; durante il giorno c'è anche la "Fiera del lunedì di Pasqua", in passato molto sentita.

EXPERIENTIAL

TEMI DI VIAGGIO

TOP TOURS

SERVIZI

CONTATTI

UFFICI:

Alba incoming - Eurofirst Tours 
Via Panepinto 8 I-92022 Cammarata (Ag) Italy 
P.I.: 02075400842 

Telefoni: (10 lines)

+39 0922 902 892               +39 0922 905 577

  • Grey LinkedIn Icon
  • Facebook
  • Twitter
  • YouTube
  • Instagram

© 2020 by Albaincoming Eurofirst Tours. all right reserved   COOKIES & PRIVACY POLICY