CALTANISSETTA

Caltanissetta

La Provincia di Caltanissetta si trova nelle Midlands siciliane e offre allo stesso tempo ai turisti un mix di arte e storia, archeologia e tradizione. Caltanissetta era nota soprattutto per le sue miniere di zolfo nel XIX secolo. A causa dell'avanzata ulteriore recupero di zolfo da parte dell'America, ora queste fosse sono rotte. La regione ha, tuttavia, un bellissimo paesaggio.

Prova del periodo passato

La città, situata vicino al monte "Monte San Giuliano" Caltanissetta (in arabo: Kalat, greco: Nissa) ebbe le sue origini con un piccolo insediamento di sicani, quindi fu occupata dai romani fino a quando non fu conquistata dagli arabi (829 a.C.). La storia di Caltanissetta è caratterizzata da grandi tempi di fioritura e amare sconfitte. Vicino a Caltanissetta ci sono numerosi monumenti ed edifici, le testimonianze di persone diverse e epoche danno diverse esperienze alla città. Allo stesso modo la città siciliana di Gela prima era abitata dai Greci da Rodi e Creta. A quel tempo la città era il centro dell'influenza ellenistica, che si diffuse su tutta l'isola. Alcuni dei tesori e delle reliquie greche possono essere ammirati nel "Museo Archeologico". Il paesaggio con vigneti e uliveti intorno a Gela ha un gran numero di siti archeologici che possono dare tracce di antichità. Ad esempio alcuni monumenti come l'antica Acropoli, con case e parti di un bagno pubblico ("Bagni Greci") che sono stati conservati molto bene. Ci sono anche fortificazioni greche di 300 metri nelle vicinanze di "Capo Soprano". Inoltre, nel "Monte Sabucino" (706 metri) si trova una necropoli dell'età del bronzo e parti di una cinta muraria ellenistica. Sulle rovine della "forchetta Gibil" di un antico insediamento siciliano. Nel "Museo Archeologico" di Caltanissetta ci sono numerosi reperti nei pressi di "Marianopoli", "Castellazzo", "Balate" e "Valle Oscura". Anche il sito di "Vassallaggi" è di grande interesse dove furono scoperte centinaia di tombe in una necropoli.

Castelli e torri

Caltanissetta è ricca di numerosi castelli imponenti e belli e di alcune torri di avvistamento medievali. Ai piedi del "Monte San Vito" si trova la città di "Mussomeli" con uno dei castelli meglio conservati "Castello Manfredonico". Particolarmente impressionante è la "Sala delle tre donne" all'interno del castello, con la leggenda di tre sorelle che sono gelosi del loro fratello. Più a sud ci sono due fortificazioni: "Grassuliato" e "U cannoni", per via della loro struttura tubolare che ricorda un cannone. Tra il castello normanno di "Boera" e il castello di "Gela "C'è il palazzo di Gela di grande importanza storica perché è l'unico edificio di difesa sulla costa che rappresenta insieme alla cinta muraria della città, servito da protezione contro le incursioni dei pirati saraceni. A Gela si trova anche la "Falconara" - un'importante torre di osservazione della città.

Le sette riserve naturali

La topografia della provincia di Caltanissetta offre spazio per l'intero spettro dei colori che spazia dal giallo del sole e del grano sul verde della foresta e della vegetazione mediterranea verso l'azzurro dei laghi e dei paesaggi a sud di "Imera" e "Platan ". La Provincia di Caltanissetta offre ai turisti 7 riserve naturali, che devono essere esplorate e scoperte. Vicino a "Marianopoli", ai piedi del "Monte Pertichino" si trova lo "Lago Sfondato", il lago che è circondato da fitte foreste e offre l'habitat per le orchidee selvatiche. È altrettanto affascinante il "Lago Soprano" in "Serradifalco". Nel sud di "Campofranco" è possibile vedere la riserva naturale "Monte Conca" che ha numerose grotte e tunnel sotterranei. Grotte e pozzi si trovano anche nella riserva naturale di "Monte Capodarso", ma questo è geologicamente e archeologicamente di grande interesse. Da qui è possibile accedere a "Erei", che si trova in una zona che deve il suo nome a "La Sughereta" con molte querce da sughero. La riserva naturale è l'area intorno a "Biviere", dove il più grande lago costiero siciliano e le dune "Macconi" separano la costa e il mare.

Caltanissetta Food

Cucinare a Caltanissetta consiste in piatti semplici, gustosi e salutari. Un piatto tipico è ad esempio la "muffulette" - pizza al forno dorata, che a volte viene raffinata con olio o addirittura con la zuppa "maccu". A Gela i "maccheroni alle melanzane" possono essere eccellenti. La cucina è spesso dominata da ingredienti freschi come pomodori, piselli, fave e funghi. Tra i dolci spicca il "Torrone" - Una dolcezza di zucchero, miele, noci o mandorle a forma di barretta. In "Niscemi" un festival del carciofo è dedicato all '"Umbriulata". In "Milena" puoi assaggiare la delicatezza del pane particolare ("stigghiuilata, 'mpanata, focaccia"), che viene riempito con salame, olive nere, cipolle, formaggio grattugiato e olio. A "Villalba" puoi assaggiare gli ottimi pomodori nella notte dal 14 al 15 agosto. A tale scopo, gli spaghetti vengono cucinati e distribuiti tra le persone.

Distanze da Caltanissetta

Agrigento 55 Km

Catania 109 Km

Enna 32 Km

Messina 205 Km

Palermo 131 Km

Ragusa 129 Km

Syrakus 159 Km

Trapani 234 Km

Guarda anche...

CONTATTI

UFFICI:

Alba incoming - Eurofirst Tours 
Via Panepinto 8 I-92022 Cammarata (Ag) Italy 
P.I.: 02075400842 

Telefoni: (10 lines)

+39 0922 902 892

+39 0922 905 577

© 2021 di Albaincoming Eurofirst Tours. tutti i diritti riservati COOKIE E POLITICA SULLA PRIVACY

©